Ultime pubblicazioni

n. 51, anno L, 2021, pp. 303, € 15,00

Storia nazionale
A cento anni dalla nascita del Partito comunista italiano, a cura di Claudio Natoli
Alexander Hoebel, Fascismo, antifascismo, Resistenza nella storia del Pci
Claudio Natoli, Il Pci nella costruzione della democrazia repubblicana
Aldo Agosti, L’internazionalismo dei comunisti italiani
Albertina Vittoria, Intellettuali e Pci dal secondo dopoguerra agli anni Settanta
Guido Liguori, L’ultimo Berlinguer: rinnovare il Pci nel passaggio d’epoca della globalizzazione

Giovanni Costenaro, L’Africa per salvare l’Europa? I progetti di cooperazione economica nelle colonie durante l’appeasement
Alessandro Baù, Gian Dàuli editore: idee, speranze, fallimenti 1921-1945
Alessandro Massignani, Il 6° reggimento alpini e il battaglione Bassano nella Grande guerra. Organizzazione, operazioni, condizioni di vita

Storia regionale
Antifascismo, europeismo, politiche per la montagna. Romano Marchetti
Denis Baron, Introduzione
Laura Matelda Puppini, Romano Marchetti mazziniano e partigiano
Claudio Lorenzini, Ancora su periferie di periferie. Premesse ai legami fra montagna ed Europa in Romano Marchetti
Andrea Zannini, Antifascismo ed europeismo: lo snodo del dopoguerra
Sandro Menegon, Libertà, professionalità e lungimiranza. Romano Marchetti, agronomo nella Carnia del secondo dopoguerra (1945-1954)
Luca Marin, L’archivio di Romano Marchetti: prime ricognizioni
Romano Marchetti: materiali per una bibliografia, a cura di Denis Baron, Anna Di Qual, Claudio Lorenzini

Storiografia
Denis Baron e Alessandro Faè, Studi e ricerche sul Friuli nell’età contemporanea. Le pubblicazioni del 2020

Le autrici e gli autori

Luciano Patat, I treni per i lager. La deportazione dal carcere di Gorizia (1943-1945), IFSML, 2021, pp. 446, € 25,00
Sono 3.085 i prigionieri politici e razziali, detenuti nel carcere di Gorizia, che dal settembre 1943 all’aprile 1945 vengono deportati nei campi di concentramento o inviati al lavoro coatto nel Terzo Reich. Attraverso la consultazione dei registri del carcere, Patat riporta, mese per mese, i rastrellamenti e le principali operazioni di polizia condotte dai tedeschi, descrive la successione cronologica dei convogli ferroviari inviati nei lager e ricostruisce la biografia dei deportati e la loro storia concentrazionaria.

n. 50, anno XLIX, 2020, pp. 185, € 15,00

Paolo Ferrari, Mezzo secolo di “Storia contemporanea in Friuli”

Storia nazionale
Mimmo Franzinelli, Il bavaglio ai dissidenti. Politica e magistratura nel primo fascismo
Paolo Ferrari, Alessandro Massignani, Forze armate, industria, fascismo. Badoglio e Cavallero alla guida del paese

Storia regionale
Dal Piave a Tagliamento: profughi veneti nel Friuli invaso 1917-1919
Giacomo Viola, Introduzione
Francesco Frizzera, Un continente in movimento. I profughi del Piave e le migrazioni forzate nell’Europa della Grande guerra
Giacomo Viola, Profughi veneti nelle terre del Friuli invaso
Matteo Ermacora, Gemona “capitale” dei “profughi del Piave”. Tensioni, problemi annonari, condizioni sanitarie 1918-1919
Marco Chiavon, Dal Piave al Cormor. Note per una ricerca sui profughi veneti a Pozzuolo del Friuli
Simone Menegaldo, Sgomberati, sfruttati, illusi: i profughi della “Zona d’operazioni Piave” tra Oderzo e Motta
Luca Nardi, L'”an de la fan” 1917-1918 della Sinistra Piave tra occupazione e dopoguerra

Storiografia
Matteo Ermacora, Studi e ricerche sul Friuli nell’età contemporanea. Le pubblicazioni del 2019

Gli autori

Aldo Moretti nella vita e nella cultura del Novecento friulano. Scritti e riflessioni, Udine, IFSML, 2019, pp. 354, € 16,00
L’Istituto ripubblica gli studi e le riflessioni di mons. Aldo Moretti, protagonista della Resistenza e socio fondatore dell’Istituto, comparsi sulla nostra rivista annuale con l’aggiunta di un inedito.
Gli studi sono caratterizzati da una particolare attenzione per le fonti primarie e per una trasmissione della memoria con una costante ricerca di precisione protesa alla ricostruzione completa delle vicende narrate.
Il linguaggio chiaro e accattivante – che è frutto dell’esperienza diretta dell’autore – si segnala anche ai lettori più giovani.
La pubblicazione è l’occasione per rinnovare il più profondo ringraziamento nei confronti di mons. Moretti per l’attività instancabile, attenta, equilibrata e saggia svolta per tanti anni all’interno dell’Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione.

Giuseppe Gori, Le lotte per il lavoro in Carnia. Il caso della Cartiera di Ovaro, Udine, IFSML, 2019, pp. 391, € 20,00
Fra il febbraio 1983 e il marzo 1986 per Ovaro e la Carnia si ebbe una delle fasi più aspre per la salvaguardia del lavoro in montagna. Il principale insediamento industriale della vallata, la Cartiera di Ovaro, stava conoscendo una crisi che sembrava irreversibile. L’intervento delle istituzioni, l’impegno di un imprenditore capace come Giovanni Dell’Aria Burani e, soprattutto, le capacità professionali dei lavoratori e il loro impegno diretto nella lotta, consentirono la ripartenza. La nuova Cartiêra di Davâr fu inaugurata il 14 aprile 1986. È da allora che, pur con rinnovati assetti societari, prosegue la sua attività di produzione di cartoncino di qualità, garantendo occupazione alla vallata di Gorto e alla montagna friulana.
Ricostruendo quella particolare vicenda, il libro ripercorre la storia della Cartiera, iniziata ai primi decenni del Novecento con l’industria elettrica e proseguita dagli anni Trenta con l’arrivo di Anna Erker-Hocevar, l’imprenditrice alla guida del gruppo industriale fino agli anni Settanta, che ad Ovaro seppe sviluppare la produzione della carta grazie anche all’impegno del direttore Giovanni Michieli e, soprattutto, al lavoro di operai e impiegati capaci. Il caso della Cartiera, così come qui ricostruito, diviene un’opportunità per percorrere la storia dello sviluppo industriale della Carnia ed il ruolo che gli imprenditori, le istituzioni locali e le organizzazioni sindacali hanno svolto in questo processo.